Leonardo Sciascia: Una storia semplice di impegno civile

Marta   11 Marzo - 2019  

Uno degli incontri più attesi e complessi dell'edizione 2019 di POIESIS.

"Io lo considero l’ultimo cui si convenga la qualifica di ‘grande’. Ma non è per questo, o non solo per questo, che l’ho tanto amato. E’ per quello che, dietro i suoi silenzi, credo di aver capito dell’uomo Sciascia. Era siciliano fino al midollo; e come tutti i siciliani veraci, combattuto fra l’amore per la sua terra com’è, e l’odio perché è com’è. 
[...]
Una volta chiesi a un suo compaesano, che sicuramente se ne intendeva, come mai la mafia consentiva a Sciascia di continuare a denunziare pubblicamente fatti e misfatti. Risposta: ‘Perché la mafia sa distinguere gli uomini di rispetto dai quaquaraquà. E Sciascia, anche se nemico, sempre uomo di rispetto è."

Indro Montanelli dedicava queste parole a Leonardo Sciascia, all'indomani della sua morte. 

Nel trentennale della scomparsa del grande genio di Racalmuto, il Teatro di Calabria dedica questo incontro al viaggio alla scoperta nella "storia semplice" di impegno civile di uno dei più grandi intellettuali italiani del '900.

Il prof. La Rosa guiderà lo spettatore nel mondo di Leonardo Sciascia, l'intellettuale dalla assoluta, irrefrenabile, libertà, e l'uomo impregnato dal coraggio della solitudine.

In mezzo, l'Italia contemporanea, gli ultimi quarant'anni di storia di un paese vittima di ideologie, carnefice di se stesso, corroso da malaffare e ipocrisia.

Gli attori del Teatro di Calabria interpreteranno brani tratti dai romanzi di Sciascia "Il giorno della Civetta", "Todo Modo", "Il contesto".